La scuola rurale non ha paura di tornare in classe dopo il parto

Con la dichiarazione dello stato di allarme, i processi educativi sono stati mantenuti attraverso la didattica online. Il cambiamento a questo modello ha coinvolto tutti i centri e le istituzioni educative in una trasformazione globale dell’insegnamento e dell’apprendimento.

In questo nuovo processo, insegnanti, famiglie e risorse dei centri hanno assunto un ruolo importante e responsabile per la parità di accesso all’istruzione per tutti i loro studenti.

La scuola rurale, inoltre per le sue caratteristiche specifico in relazione al numero di studenti e alle differenze nei loro livelli di istruzione rispetto alle scuole urbane, ha dovuto partecipare attivamente a questa trasformazione con i mezzi a sua disposizione.

Disuguaglianze nell’accesso alla conoscenza

Lo sviluppo di tutorial per i genitori, orientamento e tutoraggio agli studenti con maggiori difficoltà, il consolidamento di una struttura organizzativa che potrebbe far continuare il loro apprendimento a buona parte degli studenti di tutte le fasi educative … Sebbene siano emerse modalità creative e innovative di frequentare l’educazione la disuguaglianza nell’accesso a questo diritto nelle famiglie, nonché la mancanza di competenze digitali della popolazione residente in queste aree, ha aumentato il lacuna nell’accesso alla conoscenza tra i bambini più svantaggiati.

Secondo il Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione (UNESCO), l’immediata interruzione dell’educazione faccia a faccia causata dalla crisi sanitaria del COVID-19 ha colpito più di 10 miliardi di studenti e giovani in tutto il mondo e, in particolare, 7999 895 studenti spagnoli di istruzione Di base e terziario.

Accesso alla tecnologia e alla scuola rurale spagnola

Con l’arrivo di un’era segnata dalla rivoluzione digitale, la pubblica amministrazione ha deciso di concretizzarsi programmi che consolidano l’integrazione di tecnologie dell’istruzione e della comunicazione nelle scuole rurali.

Attraverso la trasformazione della tecnologia in classe e la necessità di innovazione per le esigenze del cambio di paradigma che contraddistinguono le pratiche educative e sociali della comunità educativa, le scuole sono immerse in un processo di continuo riadattamento.

Alcuni studi hanno identificato che l’innovazione, il contributo creativo e l’accesso illimitato alla conoscenza attraverso la rete hanno portato a un cambiamento significativo nelle scuole e nei centri rurali.

Il lavoro dei centri rurali raggruppati

L’istruzione nelle zone rurali in Spagna è servita attraverso il Centri rurali raggruppati. Questi spazi educativi si caratterizzano per essere costituiti da unità educative situate nei comuni limitrofi, che insieme costituiscono un unico centro.

La centralità dell’amministrazione, l’integrazione di aule miste formate da studenti della prima infanzia e della scuola primaria, e la ruralità come sede principale dei processi educativi sono alcune delle caratteristiche di questi spazi.

Dall’integrazione della tecnologia nelle aule rurali, gli insegnanti rurali hanno accesso a queste per partecipare in modo più specifico alle esigenze individuali dello studio.

La conoscenza che gli studenti hanno acquisito per gestire diversi strumenti digitali nelle aule rurali, nonché la previa creazione di siti Web e reti collaborative per monitorare i processi educativi al di fuori della classe e promuovere la comunicazione e il coordinamento tra i membri della comunità scolastica , evitando così i viaggi da un centro all’altro, hanno facilitato gli elementi di adattamento dell’istruzione faccia a faccia all’istruzione online durante il periodo di reclusione.

Il mezzo più utilizzato durante il parto

Il telefono cellulare, applicazioni come WhatsApp, l’uso delle piattaforme educative dei centri stessi, la distribuzione di schede mobili con dati e laptop tra alcuni studenti senza mezzi telematici, nonché l’introduzione della televisione educativa, sono diventati mezzi necessari e oggettivi per l’assistenza scolastica durante questo periodo.

Garantire il diritto all’istruzione richiede che nessuno venga lasciato indietro. Questa è stata la filosofia educativa che ha cementato le azioni e le pratiche dei centri e degli insegnanti della scuola rurale spagnola durante i cambiamenti inaspettati e vertiginosi che l’epidemia di COVID-19 ha portato.

Nonostante il supporto tecnologico e didattico che queste scuole hanno costruito dalla vita quotidiana dei processi educativi e delle loro risorse, ci sono fattori che hanno condizionato e limitato l’accesso alla conoscenza di molti degli studenti e l’impossibilità di avere un monitoraggio attivo della loro apprendimento da parte degli educatori.

La disponibilità o meno di risorse tecnologiche o l’accesso a Internet evidenzia la fragilità del rispetto del diritto all’istruzione. In questo periodo il digital divide è stato l’elemento chiave e il principale asse di azione nei centri e nelle istituzioni educative.

Scarsa connessione ad alta velocità

L’ultimo Rapporto sulla copertura della banda larga in Spagna, dall’anno 2018, afferma che in queste aree rurali meno del 40% della popolazione ha una connessione ad alta velocità.

Da parte loro, quegli studi effettuati nel campo dell’uso della tecnologia nelle scuole rurali dimostrano che, sebbene in alcuni istituti scolastici le nuove tecnologie abbiano consentito il consolidamento di modelli didattici ibridi, in altri l’utilizzo di questi strumenti non implica appunto, un rinnovamento metodologico.

C’è anche uno scarso coinvolgimento delle famiglie in quei progetti che prevedono il monitoraggio del lavoro dei propri figli attraverso le piattaforme educative installate.

Nonostante il fatto che le azioni svolte in queste scuole abbiano perseguito l’accesso alla conoscenza dalle diverse possibilità degli studenti, la mancanza di risorse materiali, infrastrutture, tempo e conoscenza del utilizzo delle risorse digitali in alcune famiglie hanno condizionato ottenendo un impatto significativo sull’esperienza di apprendimento degli studenti.

Accesso condizionato alle risorse digitali

Mentre nelle scuole rurali l’accesso e la disponibilità delle risorse digitali possono essere condizionate, ci sono elementi come l’ambiente, spazi aperti e flessibili, risorse naturali o le basse proporzioni di studenti in classe che, lungi dall’essere un contesto carico l’incertezza e il disagio di un nuovo focolaio possono cambiare un ritorno all’istruzione in classe.

Queste risorse possono essere un’opportunità per trasformare l’educazione rurale da una visione innovativa e creativa, come stanno facendo molte delle migliori scuole del mondo, che basano il loro modello educativo su un apprendimento esperienziale.

È conveniente riflettere sull’influenza che l’ambiente ha sullo sviluppo personale, sull’apprendimento e sull’acquisizione di abilità e abilità.

Ci sono studi che hanno analizzato le esperienze accademiche degli studenti delle scuole urbane e rurali e hanno determinato che gli studenti che partecipano all’apprendimento ambientale all’aperto ottengono punteggi più alti nelle valutazioni accademiche.

Impara all’aperto

I benefici che l’apprendimento all’aria aperta garantisce allo sviluppo dell’individuo hanno portato a paesi come Finlandia e gli Stati Uniti appaiono questo modello come a spazio di innovazione pedagogica che contribuisce allo sviluppo dell’empatia per l’ambiente naturale.

Ciò facilita l’approccio dei contenuti curriculari in modo trasversale, favorendo che, attraverso l’osservazione e l’esplorazione, si attivino i sensi affettivi e cognitivi, oltre alla costruzione di conoscenze in modo più permanente nelle strutture della memoria.

Questa situazione globale e l’incertezza sulla pandemia stanno costringendo i sistemi educativi mondiali a ridisegnare i modi in cui devono insegnare e apprendere. L’adattabilità degli esseri umani ai nuovi cambiamenti sociali è stata un’esigenza sviluppata con più vigore negli ultimi mesi.

Se questi elementi sono nuovi fattori determinanti per il benessere delle persone, vale la pena riflettere se le misure che si stanno adottando per il ritorno dell’istruzione faccia a faccia consentire lo sviluppo olistico dei bambini e su come la capacità degli spazi aperti nell’istruzione e nell’apprendimento attraverso l’ambiente siano modelli che aumentano la sicurezza e il benessere degli studenti.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.